• CONCERTI & ANTIDOTI

    Al ballo del vaccino: giovani ingannati da una falsa libertà

    Giovani ricattati da una falsa libertà che vale meno di un low cost per Formentera: a Varallo la Festa della musica con annesso gazebo per vaccinare i ragazzi. «Macché diseducativo - dice alla Bussola il sindaco -, non è per loro, ma per proteggere gli altri, come i baristi che non hanno lavorato. È un'occasione per andare in vacanza». Un ricatto degno del Pifferaio di Hameln, dove la voglia di tornare a fare festa conduce a una siringa di vaccino. L'obiettivo di questa campagna vaccinale, ormai, non è più la salute, ma la concessione di una libertà sottomessa al potere. E pazienza se la scienza dice che vaccinare i ragazzi può essere molto rischioso.

    • SOLIDARIETà STRABICA

    L'Onu aiuta le scuole in Venezuela. Ma sono chiuse

    L'agenzia Onu World Food Program ha lanciato un programma di finanziamento delle mense scolastiche del Venezuela. Piccolo problema: da un anno non ci sono più scuole. Il regime venezuelano si giustifica con le misure anti-Covid, in realtà mancano i soldi. Anche solo quelli per permettere a insegnanti e studenti di raggiungerle.

    Español
    • SCUOLA PUBBLICA

    La lotta sbagliata di un ateo: il crocefisso non discrimina

    Un professore ateo rimuove il crocefisso ogni volta che entra in aula. Sospeso, ricorre in tribunale. I primi due gradi di giudizio li ha persi, ora si attende la Cassazione. La giurisprudenza gli dà torto: il crocefisso non discrimina, ma è simbolo anche di valori laici "di libertà, eguaglianza, dignità umana e tolleranza religiosa" (Consiglio di Stato 2006).

    • RITIRATE LE LINEE GUIDA ILLEGITTIME

    Gender a scuola, il grande pasticcio nel Lazio

    Le linee guida per l'adeguamento tra identità fisica e psichica diffuse nelle scuole del Lazio sono illegittime e sono create per assecondare in ogni modo la transessualità di bambini e adolescenti nelle scuole. Ma il documento viene subito ritirato, la Regione e l'ospedale san Camillo ne disconoscono la paternità. Ma non ne contestano il contenuto che indottrina al credo gender di scolari e docenti e illustra "buone pratiche scolastiche" partendo dall'uso del nome, dei bagni e degli spogliatoi. Un piano d'attacco "perfetto" e ad ampio spettro che ignora i genitori. Quando la Zan sarà legge come ci si potrà opporre a progetti come questi? 
    -L'ECONOMIST DENUNCIA I RISCHI PER I BABY TRANS di Giuliano Guzzo 

    • PROPAGANDA

    Dottrina Lgbt a colazione, la ricetta Kellogg's

    Cereali color arcobaleno, a forma di cuore e ricoperti di brillantini commestibili: è l'ultima trovata della Kellogg's per sostenere il movimento Lgbtq. E pensare che i famosi cereali erano stati inventati dal dottor Kellogg per frenare le passioni sessuali insane.

    English Español
    • NOVITà

    Ecco perché inizio una Scuola di Filosofia Cristiana

    La pretesa della fede cattolica di svolgere un ruolo essenziale per la filosofia si presta all’accusa di integralismo epistemico. Ma se la ragione conosce con le proprie forze le verità del suo livello, senza la purificazione – come dicevano Del Noce e Ratzinger – della rivelazione e della fede cattolica degenera. La filosofia da sola diventa poi religione, come dimostrano i messianismi filosofici della modernità. Al contrario la luce della fede permette alla ragione di essere se stessa, spingendola là dove da sé non arriverebbe mai. Servono cristiani consapevoli di ciò per dare un vero contributo alla società.

    • CONTRO LA MATERNITà

    Educare ad abortire: per il G7 è una priorità

    Tra le priorità decise e i documenti approvati durante la riunione a Londra dei ministri dello Sviluppo economico e degli Esteri del G7, in vista del prossimo summit dei capi di Stato e governo dei paesi più industrializzati del mondo (11-13 giugno), c’è l’educazione delle ragazze che includa l’omicidio del figlio in grembo. A spingere in questo senso sono i poteri di tutto il mondo.

    English Español
    • PERICOLI FISICI E PSICHICI

    Allarme smartphone ai minori, anche la politica se ne accorge

    Che smartphone e tablet stiano trasformando gli esseri umani, con un gap generazionale dall’ampiezza mai vista, lo abbiamo già visto. Dopo chiusure e Dad alcuni parlamentari hanno però presentato un disegno di legge per vietare questi dispositivi sotto una certa età prevedendo sanzioni per chi viola la norma. Al di là dell'efficacia delle misure presentate, si evidenzia un problema da cui non è più possibile scappare. A meno di voler scavare la fossa ai propri figli.

    • CANCEL CULTURE

    Via Colombo dalle scuole di New York. Sindaco "ignaro"

    Sicché anche New York cancella il Columbus Day dalle sue scuole, la giornata dedicata alla scoperta dell’America e celebrata il secondo lunedì di ottobre a livello federale. E’ stata sostituita dalla Giornata dei Popoli Indigeni. Il sindaco De Blasio ha fatto poi marcia indietro e la festa è diventata anche Giornata del Patrimonio Italiano. Ma Colombo è comunque scomparso.

    • USA

    La super femminista demolisce l'ideologia Lgbt e rischia il posto

    Il bavaglio arcobaleno si è ormai esteso fino alle intellettuali del pensiero femminista. Una di loro, Donna M. Hughes, nome storico del movimento statunitense, si è scagliata contro la fantasia transessuale che si sta diffondendo nella sinistra politica. Dopo l'attacco frontale l'università non l'ha difesa e per poco non ci ha rimesso la cattedra. 

    • USA

    L'ultima follia: la matematica antirazzista

    La matematica è diventata una opinione. La nuova trovata revisionista del movimento antirazzista americano che punta a cancellare la «razzista e bianca matematica» per agevolare i bambini che appartengono alle minoranze nere ed ispaniche i quali non raggiungono gli standars minimi di profitto in matematica. 

    • SOVIET AL GIULIO CESARE

    Aborto e gender non si toccano: preside alla gogna

    La vicenda da soviet al Liceo Giulio Cesare di Roma con la pretesa di un collettivo di studenti di parlare di come si abortisce e di teoria gender. La preside rispedisce al mittente la richiesta e scatta la gogna mediatica. 40 docenti protestano senza firmarsi. Lei alla Bussola dice: «Nessuna censura, ho agito correttamente». L'episodio però conferma che chi tocca il diktat dell'aborto e del gender rischia grosso.